No Turning Back / Living With Wildlife


C'è solo una persona che dovrai sopportare per il resto della tua vita: te stesso. Essere soli in montagna non solo ti fa capire qual è il tuo valore ma anche l’importanza delle relazioni che costruisci con le persone intorno a te. Nessuno ha esplorato l'arrampicata in solitaria come Hansjörg Auer, la cui memorabile impresa sulla "Fish route" ha segnato per sempre la storia di questo particolare tipo di alpinismo.


Il film ha vinto all'ultimo Trento Film Festival il Premio “Città di Imola” quale miglior film, documentario o fiction di autore italiano e prodotto in Italia, con la seguente motivazione: "Hansjörg Auer ha esplorato l’arrampicata in solitaria come mai nessuno prima e la sua memorabile impresa sulla via 'Attraverso il Pesce' in Marmolada ha lasciato un segno indelebile nella storia di questo particolare tipo di alpinismo. I trenta minuti del lungometraggio cercano appunto di raccontare, attraverso le parole misurate e sincere del protagonista, il percorso interiore che può spingere un uomo a rischiare la vita laddove un qualsiasi errore potrebbe rivelarsi fatale, pur di appagare quell’impulso che Auer descrive in modo suggestivo e inequivocabile: 'Scalare montagne è il cibo della mia anima.' Dalle Alpi al Nepal, intervallate dalle parole di Auer, si snodano una dopo l’altra immagini di straordinaria bellezza che danno la sostanza e spessore alle parole e alla filosofia di Auer. La fotografia di Matteo Mocellin supporto magistralmente la narrazione e la colonna sonora discreta e puntale di Francesco Fantini fa da contrappunto lirico alle immagini. Un piccolo capolavoro è anche il montaggio. Una bella storia raccontata da Levati: un giovane alpinista che, nonostante un eccezionale palmares, continua a rincorrere i sogni per 'assaporare l’intensità della vita nuovamente e nuovamente ancora'."

No turning back
Martedì 13 Novembre 2018 - h 21e15, cinema Cappuccini di Genova
Regia di Damiano Levati
Italia / 2017 / 30'
Film in lingua originale sottotitolato in italiano


La Bow Valley dell'Alberta, in Canada, è il luogo più frequentato al mondo dove convivono ancora persone e grizzly. Questa è la storia di come le comunità si siano organizzate negli ultimi 20 anni per vivere con orsi e altri animali selvatici, affrontando con realismo la pressione della natura selvaggia.


Il film ha guadagnato una menzione speciale al Premio Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO all'ultimo Trento Film Festival, con la seguente motivazione: "Reportage sulla convivenza tra uomo e fauna selvatica nella Bow Valley dell’Alberta (Canada). Un luogo frequentato da amanti della vita all’aria aperta, dove escursionisti e ciclisti sperimentano in prima persona l’incontro con orsi, grossi felini e grandi ungulati. Ambienti di grande fascino, splendidi animali in libertà, documentati da immagini di suggestiva bellezza, attraggono moltissimi visitatori e pongono problemi nella gestione della complessa realtà naturalistica della Bob Walley. Nel documentario vengono analizzate le strategie per limitare al minimo i rischi che una simile convivenza pone, alla luce anche di incidenti gravi, come l’uccisione di una escursionista da parte di un grizzly. Ricerca, informazione, comunicazione, accompagnate anche da misure concrete, come recinzioni e corridoi faunistici, come pure presidi di protezione individuale, gli spray al peperoncino, sono strategie e azioni per limitare i rischi. Un documentario dal ritmo incalzante, che offre spunti molto importanti anche per le nostre realtà."



Living with wildlife
Martedì 13 Novembre 2018 - a seguire, cinema Cappuccini di Genova
Regia di Leanne Allison
Canada / 2017 / 23'
Film in lingua originale sottotitolato in italiano


QUESTO SITO È STATO CREATO TRAMITE